Barzellette simpatiche

Le migliori 20 barzellette simpatiche della rete.
Una collezione divertente di barzellette pulite che van bene per i parenti anziani, i colleghi e i ragazzi senza dover finire nei guai. Molto divertenti, queste barzellette vi faranno sicuramente ridere.
Quello che hanno in comune è che sono pulite, molto divertenti, e dirette.

Barzellette simpatiche 1 – 5

1. Evoluzione o genesi?
Un bambino chiede a suo padre: “Da dove hanno origine le persone?” E il padre: “Adamo ed Eva hanno avuto dei figli, che una volta diventati adulti hanno avuto altri figli, e così via.” Il bambino allora va dalla mamma e rifà la stessa domanda. La mamma: “Ci siamo evoluti dalle scimmie in quello che siamo oggi” Il bambino torna dal padre: “Mi hai mentito!” E il padre: “No, tua madre parlava dei parenti dal suo lato”.
2. Barzellette della doccia.
Che barzellette dici sotto la doccia? “Barzellette pulite!”
3. Lavapiatti
Preferisco spendere dieci minuti a sistemare la lavapiatti per farci star dentro qualcosa che 30 secondi a lavarlo a mano.
4. Un nuovo lavoro
Alla fine di un colloquio, il capo del personale chiede ad un nuovo ingegnere appena uscito dal Politecnico: “Che salario di ingresso si aspetta?” L’ingegnere: “Sui 125000 euro all’anno, in base al pacchetto dei benefits”. Il capo del personale: “Bene, che ne direbbe di un pacchetto di 6 mesi di vacanze pagate, totale copertura sanitaria e dentistica, fondo pensione del 40% dello stipendio, ed una macchina aziendale ogni due anni tipo Ferrari testa Rossa?” L’ingegnere salta su: “Ma scherza?” Il capo del personale: “Ovviamente, ma ha iniziato lei”.

5. l’animale domestico del professore?
Il professore: “Ragazzi, che cosa ci danno le galline?”
Uno studente: “Carne”!
Il professore: “Molto bene! Ora, che cosa ci da il maiale?”
Uno studente: “La pancetta!”
Il professore: “Ottimo! E che cosa ci da una grossa vacca?”
Lo studente: “Un bel po’ di lavoro da fare a casa!”

Trovate altre barzellette nella categoria degli indovinelli con risposta.

Barzellette simpatiche 6 – 10

6. Un frutto che fa piangere
Il mio amico pensa di essere intelligente. Mi ha detto che la cipolla è l’unico vegetale che fa piangere. Allora gli ho tirato in faccia una noce di cocco.

7. Dio ti guarda
In un refettorio di una scuola cattolica, una suora mette un cartello di fronte a una pila di mele: “prendetene solo una, Dio vi guarda!”
Subito sotto c’è una pila di biscotti. Un bambino mette un altro cartellino: “Prendine quanti ne vuoi, Dio sta guardando le mele”.

8. Non è ancora matura.
Una volpe vede un bel grappolo d’uva su una vigna. Prova a prenderla, ma non ce la fa.
Allontanandosi, brontola tra sé e sé: “Non è ancora matura!”

9. Chi è il vero genio?
Un genio molto orgoglioso e sicuro di sé fa una scommessa con un idiota.
Il genio: “Allora, mi dai 5 euro per ogni domanda che ti faccio a cui non sai rispondere. Se invece tu mi fai una domanda a cui io non so rispondere, ti darò 5000 euro.
L’idiota: “Va bene!”
Il genio chiede: “Quanti continenti ci sono?”
L’idiota non sa rispondere, e gli da 5 euro.
L’idiota chiede: “Quale animale cammina su due gambe ma dorme su tre?” Il genio prova, cerca la risposta ma non ce la fa, e deve dare 5000 euro.
Il genio allora chiede: “Maledizione, ho perso. Ma qual’ era la risposta alla tua domanda?”
L’idiota gli dà 5 euro …

10. Contando I gatti
Il professore: “ Se ho due gatti, e poi due, e poi ancora due, quanti ne avrò alla fine?”
Stefano: “Sette”.
Il professore: “No, ascolta bene. Se ho due gatti, e poi due, e poi ancora due, quanti ne avrò alla fine?”
Stefano: “Sette”.
Il professore: “Mettiamola giù in maniera differente. Se ti do due mele, e poi due mele, e poi altre due mele, quante mele ho alla fine?”
Stefano: “Sei”.
Il professore: “Bene, allora, se ho due gatti, poi ancora due gatti, e poi ancora altri due gatti, quanti gatti ho?”
Stefano: “Sette”.
Il professore: “Stefano, dove cavolo trovi il settimo gatto?!”
Stefano: “Ho già un maledetto gatto!”

Trovate altre barzellette divertenti nella categoria delle barzellette su Chuck Norris.

Barzellette simpatiche 11-15

11. Dove siamo?
Marito e moglie stanno guidando attraverso la Luisiana. Quando si avvicinano a Natchitoches, cominciano a discutere sulla pronuncia della città. Dopo lunga discussione, si fermano per il pranzo. Al bancone, il marito chiede alla cameriera che è una bionda: “Prima di ordinare, le spiacerebbe pronunciare il nome della località dove siamo lentamente?” Lei si avvicina e dice: “Burrr Gheer Kiiinngg!”

12. Chi veglia su di noi
Una note sul tardi un ladro entra in una casa e mentre sta muovendosi furtivamente sente una voce: “Gesù ti sta guardando.”
Si guarda intorno ma non vede nessuno. Ricomincia a muoversi, e di nuove sente: “Gesù ti sta guardando”.
In un angolo buio, vede una gabbia con dentro un pappagallo. Il ladro chiede al pappagallo: “Sei tu che hai detto che Gesù mi guarda?”
Il pappagallo risponde: “Si.” Sollevato, il ladro chiede: “Qual è il tuo nome?” Il pappagallo risponde: “Clarence.” Il ladro: “Che nome stupido per un pappagallo! Chi è l’idiota che ti ha dato questo nome?”
Il pappagallo: “Lo stesso idiota che ha dato al rottwailer il nome Gesù”.

13. Fregati
Questa è la vera storia di George Phillip di Meridian, Mississippi, che mentre stava andando a dormire sente la moglie dirgli che ha dimenticato la luce accesa nel capannone. Goerge aprì la porta per spegnere la luce, ma vide che c’era qualcuno nel capannone che stava rubando.
Chiama subito la polizia, che chiede: “Sono in casa?” E George: “No” spiegando la situazione. Gli dicono che tutti i poliziotti sono impegnati e che deve semplicemente chiudersi in casa ed aspettare l’arrivo del primo poliziotto disponibile.
George risponde “Ok”, riappende, conta fino a 30 e chiama ancora la polizia.
“Salve, ho appena chiamato poco fa perché c’erano delle persone nel mio capannone. Beh, non dovete più preoccuparvi perché gli ho sparato.”
Poi riappende. In 5 minuti arrivano tre machine della volante, una unità di pronto intervento ed un ambulanza. Ovviamente, la polizia sorprende i ladri con le mani nel sacco.
Un poliziotto dice a George: “Avevo capito che gli avevate sparato!”
George risponde: “Avevo capito che nessuno era disponibile!”

14. Tutto è relativo
L’intervistatore al miliardario: “A cosa deve il suo successo come miliardario”?
Il miliardario: “A mia moglie”.
L’intervistatore: “Caspita, che donna! Cos’era prima di sposarla?”
Il miliardario: “Un ultra-miliardario”.

15. Brutto e avaro
Un autobus carico di brutti ha un incidente con un camion. Mentre muoiono, Dio li concede un desiderio. La prima persona: “Voglio essere bello!” Dio schiocca le dita e accade. La seconda persona chiede la stessa cosa, e Dio lo fa accadere. Così si va avanti uno dopo l’altro. Ad un certo punto Dio nota che l’ultimo uomo del gruppo sta ridendo a crepapelle. Quando Dio arriva agli ultimi dieci, l’uomo si sta rotolando per terra dalle risate. Quando è il suo turno, chiede, ridendo: “Voglio che tornino di nuovo tutti brutti”.

Barzellette simpatiche 16 – 20

16. Il Trota ha detto che in un incidente si è rotto il braccio destro, ma non capisce perché la polizia indaga sul sinistro

17. L’uomo è come il bluetooth: è connesso a te quando sei nelle vicinanze, ma cerca altri dispositivi quando sei lontana.

18. La donna è come il WiFi: cerca tutti i dispositivi, ma si connette al più potente.

19. Cosa fa una sardina sotto la doccia? Si acciuga.

20. Un ingegnere si presenta sul posto di lavoro. e’ il suo primo giorno. Il principale gli mette una scopa in mano e gli dice: “Ecco questa e’ una scopa. Come prima cosa potresti dare una spazzata all’ufficio…” L’ingegnere replica: “Una scopa? Ma guardi che io sono un ingegnere!” E il principale: “Hai ragione, scusa… ti faccio vedere come funziona…”.